Paolo Saldari

Paolo Saldari

Paolo Saldari

    Si diploma in scultura del legno presso la Scuola Internazionale di Artigianato Artistico Sperimentale “Cjase O!” di Paularo. Apre un proprio laboratorio in cui esercita per sei anni il mestiere di scultore, lavorando anche a progetti multidisciplinari di arredo interno e urbano. Parallelamente insegna progettazione e lavorazione del legno nelle scuole superiori e produce nella sua bottega pezzi unici di alto artigianato per negozi e collezionisti: oggetti in legno, vetro, argento e pietre preziose, oltre a giochi polimaterici che recuperano stilemi e tradizioni dell’Europa e di altri paesi e culture.
    Nel 1991, quasi per divertimento, progetta insieme a Cristina Cason alcune marionette a filo da collezione. È il primo incontro col teatro di figura e si trasforma in una fascinazione. Nel 1992 viene invitato, insieme a Cristina, a lavorare all’interno della mostra Internazionale di Illustrazione di Sàrmede, con un laboratorio permanente dimostrativo di costruzione di figure e animazione teatrale. L’esperienza dura quattro anni, dal 1992 al 1996. In questo periodo vengono prodotti molti microspettacoli e animazioni, aventi per tema racconti scritti dai bambini o testi tratti dai libri presenti in mostra. Ed è proprio nel 1992 che “L’Aprisogni” nasce.

     

    Condividi l'articolo