Parole che sono alberi | CartaCarbone Festival per la Giornata Mondiale della Poesia

“L’inchiostro verde crea giardini,
selve, prati,
fogliami dove cantano le lettere,
parole che son alberi”

Octavio Paz

 

Cari lettori, sarà la stagione della rinascita!
Trovandoci tutti nel cuore di un momento storico di tangibili cambiamenti nel modo di relazionarci, CartaCarbone Festival Letterario “autobiografia & dintorni” mette in scena un tam tam poetico a cui parteciperanno undici poeti.

Paolo Agrati, Giovanna Frene, Nicoletta Bidoia, Francesco Targhetta, Violante Vibora, Silvia Battistella, Giulia Rusconi, Alberto Trentin, Azzurra D’Agostino e Alberto Cellotto hanno risposto a #ParoleCheSonoAlberi, ispirati ai versi del poeta messicano Octavio Paz, e scandiranno sui social l’attesa, tenendo alta l’attenzione su ciò che sa andare oltre i nostri pensieri razionali.

Per favorire la visualizzazione ad un maggior numero di persone, i canali social di CartaCarbone Festival pubblicheranno nella tarda mattinata una poesia al giorno, recitata ognuna da un nuovo poeta, a partire da giovedì 12 marzo.

giornata mondiale della poesia con Vasco Mirandola

Questo tour in versi avrà il suo culmine il 21 marzo, quando, al rintocco delle 12:00, Vasco Mirandola, l’attore, poeta, regista che ha realizzato anche vari progetti legati alla poesia in video, unendo i suoi personali talenti, ci regala una performance d’autore
che non mancherà di toccare la tagliente attualità.

Colleghiamoci, per dare vita ad una mediata, ma intima esperienza di collettività,
attendendo il momento di una rinata e più saggia condivisione.

 

Da giovedì 12 a sabato 21 Marzo | sui nostri canali social

 

Photo credits: www.vascomirandola.it

 

Note biografiche
Vasco Mirandola | Attore. Lavora in cinema (premio Oscar con Mediterraneo di Gabriele Salvatores, con Carlo Mazzacurati ne Il Toro e Il Prete Bello, per citarne alcuni), in televisione, in teatro, nel cabaret. Ha pubblicato i libri di poesie: Non urlare che mi rovini il prezzemolo, Il solito tram tram il 16 il 16, Carpe Diem Trote Gnam, E se fosse lieve. Ha collaborato con la Compagnia di danza contemporanea Sosta Palmizi ed è nelle ultime produzioni dell’Accademia Arte della Diversità di Bolzano. Da anni cerca di diffondere la poesia usando vari linguaggi: con lo spettacolo di teatro-danza E se fosse lieve, con i concerti-poetici Ci sono notti che non accadono mai (omaggio ad Alda Merini) e Ballate per il Nord-Est con la Bottega Baltazar, Era l’inizio di una sedia (omaggio a Mark Strand) con le Purple Mist. In video ha creato con Marco Zuin i “Zuggerimenti poetici” (www.vascomirandola.it)

Condividi l'articolo