48 – L’abisso

48 – L’abisso

Sabato 12 ottobre – ore 21.30 – auditorium scuole Stefanini – v.le III Armata

AUTORI Davide Enia e Giulio Barocchieri
(Premio Hystrio Twister a maggio 2019)
Testo, narrazione e cunto di Davide Enia
Musiche e atmosfere sonore di Giulio Barocchieri

«Sono andato a Lampedusa per anni. Ci incontravo gli isolani, i residenti, i pescatori, il personale medico, gli uomini della Guardia costiera, gli operatori. Il nostro dialogo avveniva quasi sempre in dialetto siciliano. Ascoltavo le loro storie, i tentativi di nominare il trauma. Continuavo – continuo ancora – a chiedermi: come raccontare il tempo presente nel momento della crisi e come evitare di spettacolarizzare una tragedia? Una prima risposta: dare direttamente voce ai protagonisti, a chi vive e lavora in quella frontiera che viene chiamata Lampedusa e che, in realtà, si estende ben oltre l’orizzonte del mare. Oggi l’abisso non è un vuoto. È uno specchio. C’è riflessa l’immagine di chi abbiamo deciso di essere».

 

Condividi l'articolo