Antonella Bukovaz

Antonella Bukovaz

Antonella Bukovaz

È originaria di Topolò-Topolove, borgo sul confine italo-sloveno. Prima pubblicazione è Tatuaggi (Lietocolle, 2006) seguito da al Limite (Le Lettere 2011) con dvd, opera del video maker Paolo Comuzzi e del musicista Antonio Della Marina, da 3X3 parole per il teatro_3X3 besede za teater (ZTT-EST 2016) che raccoglie i testi scritti per il teatro sonoro di Hanna Preuss. L’ultima pubblicazione è casadolcecasa_domljubidom (Miraggi, 2021). Presente nell’Antologia Einaudi Nuovi poeti italiani, 6 per il cui testo principale “Storia di una donna che guarda al dissolversi di un paesaggio” ha ricevuto il premio Antonio Delfini nel 2004. Ha collaborato come autrice e attrice con il teatro sonoro di Hanna Preuss, Hanna’s Atelje Sonoričnih umetnosti di Ljubljana nelle opere S.E.N.C.E (2010/2011), Sonokalipsa (2013) e Pavana za Antigono (2014) le cui rappresentazioni si sono svolte al Cankarjev dom di Ljubljana (e poi Trieste, Kyoto, Cagliari, castello di Lubiana). Del 2012 è la pubblicazione dei librini koordinate e Guarda per pulcinoelefante di Alberto Casiraghi. Collabora e performa con l’elettrorumorista Eva Sassi Croce, con cui ha realizzato: casadolcecasa, Lessico elettronico, L’Arte dei Rumori-omaggio a Luigi Russolo, Femminilizzazione del mondo (download gratuiti: http://www.ozkyesound.altervista.org).
Sempre con Eva Sassi Croce ha realizzato la video-lettura di Viaggio in Armenia di Osip Mandel’stam su progetto dell’Osservatorio Balcani e Caucaso Transeuropa. Con il musicista e artista sonoro Claudio P. Parrino ha realizzato l’audio installazione La stazione di Zima tratta dal poema di Evgenij A. Evtušenko. Nell’edizione 2017 del festival di Letteratura di Vilenica in Slovenija è stato assegnato il premio Cristal dalla Giuria internazionale del festival al suo testo Tra_in between_Mèd.
Collabora alla realizzazione di Stazione di Topolò-Postaja Topolove.
Insegna da sempre nella scuola bilingue di San Pietro al Natisone- Špeter.

Condividi l'articolo