Contrappunti #5 – Ginevra Bompiani e Stefano Brugnolo

Contrappunti #5 – Ginevra Bompiani e Stefano Brugnolo

Contrappunti #5 – Ginevra Bompiani e Stefano Brugnolo

Contrappunti.
L’alternativa contemporanea alla classica presentazione. Un incontro stimolante tra più ospiti ritmato da parole, contenuti multimediali, letture e musica.

 

“La penultima illusione” di Ginevra Bompiani

Ginevra Bompiani ha attraversato il Novecento in viaggio tra la cultura e l’impegno sociale. Dialogando con N., adolescente somala di cui è tutrice legale, torna con il pensiero al proprio passato: l’essere figlia di uno dei principali editori italiani, i viaggi e le amicizie con – per citarne alcuni – Umberto Eco, Italo Calvino, Elsa Morante, Giorgio Manganelli, Giorgio Agamben. E poi la fondazione della casa editrice, la costruzione e ricostruzione di biblioteche a Sarajevo e nell’Africa subsahariana, le tante battaglie, vinte e perse, che segnano fino a oggi il cammino dell’autrice.
Ginevra vuole aiutare N. a trovare una strada che le apra quell’orizzonte che si è subitaneamente richiuso. Una proiezione verso un futuro da inventare che permette di guardare al passato in equilibrio tra chi si poteva essere e chi si è effettivamente stati. Sempre alla ricerca della prossima illusione. «E chissà che tutta la vita non sia davvero così, un accavallarsi confuso di immaginazione e memoria…».

“Dalla parte di Proust” di Stefano Brugnolo

Proust: questo monumento sacro che spesso abbiamo il timore di avvicinare. Invece è possibile farlo, scalfendo l’aura mitica che si attribuisce alla Recherche, opera cardine che nel corso del tempo ha attirato su di sé un’attenzione quasi feticista. Un’opera che invece può rivolgersi a tutti, suscitando piacere, conoscenza e perché no? Anche divertimento. Indagando il testo da molteplici prospettive, Stefano Brugnolo si concentra su alcuni temi ricorrenti, tra cui il viaggio, per evidenziare quanto questo scrittore possa parlare alla nostra epoca e contribuire a illuminarne le contraddizioni. Ma soprattutto intende dimostrare che Proust costituisce un compagno straordinario per letture e riletture sempre nuove e appaganti, in un viaggio che può portare a scoperte sorprendenti anche su noi stessi, se solo riusciremo ad adottare uno sguardo inedito. Perché, come dice lo scrittore stesso, “l’unico viaggio verso la scoperta non consiste nella ricerca di nuovi paesaggi, ma nell’avere occhi nuovi”.

 

Con: Ginevra Bompiani e Stefano BrugnoloPresenta: Andrea Cortellessa

Quando: Sabato 15 ottobre 2022 – ore 18:30

Dove: Auditorium Stefanini – Treviso

Prenotazioni: EVENTBRITE

Condividi l'articolo